laboratorio di progettazione coordinata e integrata

1991 – Napoli, riqualificazione della zona di Mergellina

1991 – Napoli, riqualificazione della zona di Mergellina

Nel voler dare un assetto più funzionale e fruibile ad una zona del waterfront della città il comune di Napoli bandisce un concorso per la riconfigurazione dell’area compresa fra il porticciolo di Mergellina e Castel dell’Ovo. Con l’inserimento di parcheggi quantificati in sede di PU.P, particolare attenzione è data ad una fascia a ridosso della costa di circa 700 metri. Liberata dal traffico diviene spazio restituito alla collettività in cui, fra le pendici di Posillipo e l’inizio dell’edificato verso l’incrocio con via Sannazzaro, generare un “luogo” comunitario aperto alla fruizione del mare e caratterizzato dalla presenza di attrezzature pubbliche.
Sei le componenti principali del progetto:

  •  un percorso pedonale continuo sviluppato in distinti tratti – da Mergellina fino a Molosiglio passando per il Castel dell’Ovo definito con puntuali episodi di arredo urbano;
  •  la sistemazione del traffico in superficie con la creazione di un’area attrezzata integrata ad ovest con i giardini esistenti e ad est con la spiaggia di Sermoneta;
  •  la costituzione di parcheggi sotterranei fra la costa e il mare con locali disponibili per l’attività dei pescatori e il rimessaggio delle barche e suscettibili di ampliamenti;
  • organizzazione di servizi collettivi (chioschi, chalet, commercio, attrezzature per la balneazione, ecc.) in corrispondenza delle cavee di pietra vesuviana, poli di aggregazione dispiegati lungo la passeggiata pedonale;
  • riconfigurazione del porticciolo di Mergellina con il recupero della spiaggia e la razionalizzazione, in attesa di specifiche direttive del comune, dei moli e degli attracchi;
  • costituzione di un asse sottomarino di attraversamento urbano est-ovest connesso ai parcheggi e integrato alla viabilità ordinaria.

L’esito è la sistemazione di un’ampia area di circa 2 ha che, nel recuperare significati e segni di una delle zone più suggestive di Napoli integrandosi con il sistema urbano nei caratteri ambientali, offre un’inedita possibilità di fruizione del fronte a mare della città. Ne ricuce gli elementi salienti rinsaldando il legame fra il tessuto urbano e il golfo.

GALLERY