laboratorio di progettazione coordinata e integrata

2017 – Napoli / Bagnoli, CORPOREA – Museo del Corpo Umano

2017 – Napoli / Bagnoli, CORPOREA – Museo del Corpo Umano

TYPE Museum ; Culture and leisure facilities

CLIENT   FONDAZIONE I.D.I.S. –  Istituto per la diffusione e la valorizzazione della Cultura Scientifica

YEAR 2003 / 2017

Di fronte all’isola di Nisida, CORPOREA – Museo del Corpo Umano (ca. 5.000 mq. / 25.000 mc.; 3 livelli espositivi, uffici e laboratori), è il terzo dei principali complessi edilizi del progetto di Pica Ciamarra Associati per la Città della Scienza di Napoli. Il primo intervento, il Museo Vivo della Scienza ultimato nel 2001 e dolosamente incendiato nel 2013, era un importante esempio di restauro; il secondo grande complesso è in funzione dal 2003: comprende lo Spazio Eventi per 1000 posti, il sistema delle sale minori, gli uffici ed il BIC, ed è stato realizzato nel rispetto della sagoma preesistente ma con originali spazialità interne.

Il Museo del Corpo Umano è invece un edificio interamente nuovo: la sua pianta ad andamento trapezoidale complesso si va arretrando verso l’alto: ai piani alti un gioco di terrazze panoramiche che filtrano lo straordinario paesaggio attraverso ampi “giardini verticali”. Verso ovest la costruzione si presenta un lungo fronte ad andamento sinuoso e digradante, avvolto dalla sequenza continua di originali brise-soleil in cotto. La particolare sagoma dell’edificio apre la prospettiva verso Monte Coroglio e il Parco della Rimembranza. A nord e verso est, appaiono grandi spazi porticati a tre altezze ed una facciata inclinata che inquadra la grande fontana al margine della cavea da 1.500 posti per spettacoli all’aperto. Il volume apparentemente separato, a pianta circolare con copertura a cupola, accoglie un grande Planetario.

Riprendendo un tema caro e già positivamente sperimentato dai Pica Ciamarra Associati (nella Biblioteca “E.R.Caianiello” dell’Università di Salerno e nella sede della facoltà di Medicina e Chirurgia ancora in costruzione a Caserta), nel Museo del Corpo Umano si entrerà dal livello intermedio: i visitatori avranno la sorpresa di trovarsi in posizione baricentrica e centrale: percorrendo il Museo godranno della sensazione di cogliere l’insieme e la totalità degli spazi, quanto c’è al di sopra e quanto c’è al di sotto. Ciò perché l’accesso principale è in quota con la passerella pedonale che scavalca Via Coroglio -lega Museo Vivo della Scienza, Centro Congressi e BIC- e unisce la prevista fermata della linea Metropolitana con il punto di accesso al Museo dal mare. In ogni stagione, di giorno e di sera, arrivare dal mare costituirà un esperienza unica per i visitatori di questo straordinario insieme museale napoletano.

                CORPOREA è parte del complesso della Città della Scienza articolato su 7 ettari fronte mare che appaiono come una enclave nell’immensa area industriale dismessa di Bagnoli. La straordinaria iniziativa della Fondazione IDIS, creata da Vittorio Silvestrini, si completerà con il nuovo Museo Vivo della Scienza sulle tracce della costruzione precedentemente incendiata.

GALLERY